Dee and Charles Wyly Theatre a Dallas

di Marina Pellegrino Commenta

Il progetto è di quelli che lasciano senza fiato. Se consideriamo poi tutto il contesto della grande area di Dallas..

Dee and Charles Wyly Theatre

Il progetto è di quelli che lasciano senza fiato. Se consideriamo poi tutto il contesto della grande area di Dallas consacrata alle arti sceniche il risultato è semplicemente geniale.

Stiamo parlando del nuovo teatro di prosa progettato dallo studio REX / OMA (due grandi studi di architettura uniti per questo progetto) ovvero il Dee and Charles Wyly Theatre per il quartiere culturale di Dallas appunto.
Anziché essere schiacciato verso l’interno come la maggior parte dei teatri, qui l’edificio si apre verso l’esterno, verso la città e le persone alle quali è sempre visibile la sala teatrale grazie a grandi vetrate, balconate e una serie di terrazze.


Inoltre, pensato come una grande macchina teatrale, si estende in altezza: sala prove, camerini, biglietterie, laboratori, tutto disposto su 11 piani.

Il cuore del progetto è la “superfly tower” , la torre scenica, che dà movimento alle scenografie ed è in grado di aumentare di volta in volta, in base alle necessità, lo spazio a disposizione per il pubblico grazie alle balconate retrattili. Tutto il piano terra, quindi anche la sala, è privo di pilastri grazie a sei grandi colonne ed il perimetro è costruito con una speciale parete in vetro al cui interno sono stati posti dei tendaggi al fine di garantire massima trasparenza e isolamento acustico.


La struttura superiore a tubi di alluminio aumenta la visibilità del teatro di notte grazie alla luce artificiale che filtra dai diversi ambienti.

Gli ascensori si trovano esternamente sul versante est dell’edificio. Il loro continuo movimento altro non è che un’ulteriore conferma della natura meccanica del progetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>