“Anticorpi. Antibodies. Fernando e Humberto Campana 1989-2010”

di Redazione Commenta

I fratelli Campana, in tutti i loro lavori, dichiarano di essere fortemente influenzati dalla ricca cultura brasiliana, di essere ispirati dalle strade di San Paolo, in Brasile, dai quartieri poveri, dai lavori artigianali della gente, dalla splendida natura delle foreste pluviali brasiliane ma anche dalla musica, dall’arte..

Al Triennale Design Museum di Milano, due giovani designer brasiliani, i fratelli Fernando e Humberto Campana, presentano la loro prima retrospettiva completa, con lavori che vanno dal 1989 al 2010 e che sarà possibile visitare fino al 16 gennaio 2011.
(Ricordiamo anche il design di Marco Ferreri al Triennale Design Museum fino al 9 gennaio 2011).
Il titolo dell’esposizione dei Campana, in Italia per la prima volta, è “Anticorpi. Antibodies”, un insieme di opere realizzate attraverso materiali riciclati (legno, corde di cotone, cartone trovati qua e là), attraverso la fusione di quelli sintetici con quelli naturali, esplorando il mondo dell’arte e del design in maniera semplice e spontanea.



Oggetti che poi diventano pezzi d’arredamento e di uso quotidiano come lampade, mobili, sedie e poltrone, come la Sedia Banquete del 2002, un intreccio di peluche, o la Sedia Multidao, un intreccio di bellissime bambole di pezza.
I fratelli Campana, in tutti i loro lavori, dichiarano di essere fortemente influenzati dalla ricca cultura brasiliana, di essere ispirati dalle strade di San Paolo, in Brasile, dai quartieri poveri, dai lavori artigianali della gente, dalla splendida natura delle foreste pluviali brasiliane ma anche dalla musica, dall’arte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>