La casa ecologica di Barbie a Malibu

di Gianluca Bruno Commenta

L'American Institute of Architects ha creato un progetto molto ambizioso che consiste nell'offrire alla bambola più famosa del mondo una casa elegante..

Eh si, anche Barbie deve avere una casa di alto design, ma contemporaneamente a risparmio energetico.



L’American Institute of Architects ha creato un progetto molto ambizioso che consiste nell’offrire alla bambola più famosa del mondo una casa elegante, stilosa, ma nello stesso tempo ecologica grazie all’installazione di pannelli solari sul tetto, pavimenti in solido e resistente bambù, possibilità di installare scarichi ecologici in grado di filtrare gran parte delle sostanze tossiche, sistema di irrigazione per il giardino che garantisce una limitazione degli sprechi di acqua grazie all’ausilio di sistemi temporizzati e spruzzi molto delicati e mirati, il tutto costruito con materiali a chilometro zero, ovvero utilizzando solamente prodotti disponibili nelle vicinanze.

Il colore rosa tipico di Barbie è stato realizzato attraverso l’utilizzo di pitture senza Voc, molto tossico per l’ambiente e nella casa non potevano mancare tutti gli elettrodomestici a basso consumo energetico inseriti in classe AA+. Il progetto sta facendo il giro del mondo e siamo sicuri che prima o poi qualcuno decida di realizzarlo, magari la stessa Paris Hilton, amante del rosa Barbie, deciderà di modificare casa sua seguendo i consigli dell’American Institute of Architects, meglio conosciuto come AIA.

L’AIA è un’associazione a livello nazionale di architetti che conta al proprio interno diversi reparti, come il centro di ricerca, il centro di sviluppo, un negozio di libri dove trovare tutte le novità dal mondo del design e molto altro. Nel corso degli anni l’AIA ha saputo ottenere un ampio livello di autorevolezza che gli ha permesso di osare in nuovi ambienti di sviluppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>