Progetto copertura fotografica Reflex-Ingv

di Redazione Commenta

Secondo quanto riportato in un comunicato ufficiale, l’invito per il progetto è rivolto alle popolazioni che, coinvolte negli eventi sismici citati, scatteranno oppure hanno scattato immagini dei luoghi colpiti dal terremoto.

Mettere la fotografia al servizio della ricerca e della ricostruzione. E’ con questo obiettivo che il mensile di fotografia Reflex.it e l’Ingv, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, hanno congiuntamente avviato un importante progetto di copertura fotografica legata agli eventi sismici che nello scorso mese di maggio del 2012 hanno riguardato in particolar modo la Regione Emilia-Romagna.

In particolare, secondo quanto riportato in un comunicato ufficiale, l’invito per il progetto è rivolto alle popolazioni che, coinvolte negli eventi sismici citati, scatteranno oppure hanno scattato immagini dei luoghi colpiti dal terremoto.



GESTIRE LE FOTO CON AFTERSHOT PRO

Le opere acquisite serviranno nello specifico caso per fini non solo di monitoraggio e di ricerca, ma anche per elaborare dei ben specifici progetti per la ricostruzione delle aree.

FOTOCAMERA DIGITALE TASCABILE CON DISPLAY TATTILE

Quello avviato è quindi non un progetto legato a servizi fotografici in qualche modo legati ad attività turistiche, ma ad un vero e proprio servizio pubblico attraverso il quale i cittadini coinvolti dal sisma possono scattare foto con lo smartphone o con una fotocamera rendendo al riguardo la loro piccola missione un’opportunità davvero grande per il monitoraggio, per la ricerca nell’ambito dei fenomeni sismici e vulcanici di cui si occupa l’Ingv, e per la ricostruzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>