The Berlin Jewish Mu-Seum. Ad Alessandria fino all’8 agosto

di Marina Pellegrino Commenta

A Palazzo del Monferrato, ad Alessandria, è possibile ammirare gli scatti della fotografa Patrizia Della Porta presso il Museo Ebaico di Berlino progettato da Daniel Libeskind: una serie di immagini alternate a luci e ombre, pieni e vuoti..

©Studio Daniel Libeskind

Chi non l’ha ancora fatto si affretti. C’è tempo fino all’8 agosto per visitare la mostra “The Berlin Jewish Mu-Seum”.

A Palazzo del Monferrato, ad Alessandria, è possibile ammirare gli scatti della fotografa Patrizia Della Porta presso il Museo Ebaico di Berlino progettato da Daniel Libeskind. Una serie di immagini alternate a luci e ombre, pieni e vuoti.

L’artista afferma di percepire lo spazio architettonico come una dimensione interiore, mentale. Nelle sue istantanee lo spazio e il tempo acquistano una dimensione metafisica che Patrizia Della Porta ottiene eliminando ogni riferimento al contesto urbano senza inserire mai la figura umana.



Il visitatore viene accompagnato in questo viaggio fatto di memorie e testimonianze che non può non coinvolgerlo direttamente. Tutto del Museo Ebraico di Berlino sembra travolgerlo: dalla torre senza anima dell’olocausto, con il piccolo taglio sul soffitto, al “vertiginoso” giardino E.T.A. di Hoffmann, con le sue 49 steli di cemento tagliate nella parte superiore con un piano obliquo collocate su un terreno inclinato di 12 gradi a rammentare la fuga verso l’esilio; e ancora la “strada della vita e della convivenza giudaico tedesca”, che accompagna agli spazi espositivi attraverso una scala ove una serie di travi oblique e tutto ciò che la circonda sembra travolgere coloro che osservano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>