Vanessa Winship. “Sweet Nothings” a Milano fino al 6 novembre

di Redazione Commenta

La Winship, che da sempre predilige il bianco e nero, va al di là dei pregiudizi e dei soliti clichè per regalarci un punto di vista nuovo e la certezza che esistano altre possibilità in quelle terre spesso umiliate. Periferia, confine, memoria, storia, identità, condivisione, sono tutti temi a cui la fotografa britannica è fortemente legata. .

SWEET NOTHINGS: RURAL SCHOOLGIRLS FROM THE BORDERLANDS OF EASTERN ANATOLIA

Vanessa Winship è nata in Gran Bretagna, dove ha studiato e lavorato come insegnante di fotografia, ma da parecchi anni ha scelto di vivere in Turchia, Paese che, come tutta la regione balcanica e le terre che circondano il Mar Nero, l’ha sempre affascinata e ispirata.
Non a caso proprio gli scatti raccolti nel suo “Albanian Landscape” e realizzati nei Balcani, le son valsi la menzione d’onore nel 2003 all’interno del concorso Oscar Barnack, ma è con “Sweet Nothings: Rural School Girls” che cinque anni più tardi vincerà il primo premio dell’ambitissimo World Press Photo nella categoria Ritratti. In questo suo lavoro, presente alla MC2 Gallery di Milano, la Winship fotografa una serie di allieve di una scuola di campagna della Turchia orientale. Ciò che emerge dai loro sguardi e dalla solennità delle loro pose, a volte vicinissime l’una all’altra, è la semplicità e la fragilità di queste bambine ma, soprattutto, la loro naturalezza e spontaneità.



La Winship, che da sempre predilige il bianco e nero, va al di là dei pregiudizi e dei soliti clichè per regalarci un punto di vista nuovo e la certezza che esistano altre possibilità in quelle terre spesso umiliate. Periferia, confine, memoria, storia, identità, condivisione, sono tutti temi a cui la fotografa britannica è fortemente legata.
Attraverso i suoi scatti ha raccontato i matrimoni in Gran Bretagna tra gli immigrati greco-ciprioti, secondo le loro antiche usanze, la vita nomade dei New Age Travellers, le gare di ballo giovanili e ha realizzato diversi reportage anche in India e in Sicilia. Proprio qui, a Trapani, ha partecipato alla Processione dei Misteri, rito annuale del Venerdì Santo, da cui è nato un reportage.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>