Mostra fotografica Uno sguardo inadeguato

di Redazione Commenta

Trattasi, in accordo con quanto riportato dal sito Internet del Comune di Roma, di una mostra fotografica con scatti a colori.

Ha vinto tanti premi, tra cui quattro Picture of the Year International, e ben nove World Press Photo. Stiamo parlando di Francesco Zizola, fotoreporter del quale al Museo di Roma in Trastevere fino al prossimo 28 aprile del 2013 c’è una mostra personale dal titolo “Uno sguardo inadeguato“.

Trattasi, in accordo con quanto riportato dal sito Internet del Comune di Roma, di una mostra fotografica con scatti a colori che negli ultimi dieci anni Francesco Zizola ha realizzato un po’ in tutto il mondo, e che come di consueto presentano un forte contenuto etico e sociale.



RISPONDERE ALLA CRISI CON LA FOTOGRAFIA

Nato a Roma nel 1962, Francesco Zizola è un fotografo italiano conosciuto in tutto il mondo. I suoi scatti sono apparsi sulle testate più importanti, da El Mundo Stern e passando, tra gli altri, per Der Spiegel ed il The New York Times. Con una laurea in antropologia ottenuta nel 1986, Francesco Zizola è noto per quattro libri fotografici sfogliati ed ammirati in tutto il mondo.

FOTOCAMERA ANTIURTO SUBACQUEA

Da Ruas del Gruppo Abele edizioni, nel 1994, a Sei Storie di Bambini di Contrasto nel 1997, e passando per Stati d’infanzia di Nathan nel 1999, e Né Quelque Part/Born Somewhere del 2004 pubblicato dalla casa editrice Delpire. Per quel che riguarda il calendario completo degli eventi in corso al Museo di Roma in Trastevere ricordiamo che il sito Internet di riferimento è Museodiromaintrastevere.it da dove è tra l’altro possibile iscriversi alla newsletter ed accedere a sconti sull’ingresso alle mostre e per l’acquisto di testi presso le librerie museali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>