Mostra fotografica L’Aquila prima e dopo

di Redazione Commenta

“L’Aquila prima e dopo” è un evento promosso dal Comune di Roma, ed in particolare dall’Assessorato alle Politiche culturali ed al Centro storico, ed alla Sovraintendenza ai Beni culturali.

A partire da domani, 26 settembre del 2012, e fino all’11 novembre, a Roma presso il Museo capitolino in Trastevere, saranno messe in bella mostra le foto relative a “L’Aquila prima e dopo” da parte del fotoreporter italiano Berengo Gardin.

A darne notizia è il sito Internet di Roma Capitale nel ricordare come l’appuntamento da domani sia all’1B di piazza Sant’Egidio dove si trova il Museo in Trastevere. “L’Aquila prima e dopo” è anche il titolo dell’omonimo libro che parla del capoluogo abruzzese prima e dopo il sisma con occhio critico e selettivo, e che è stato pubblicato da One Group e Contrasto.



RISPONDERE ALLA CRISI CON LA FOTOGRAFIA

“L’Aquila prima e dopo” è un evento promosso dal Comune di Roma, ed in particolare dall’Assessorato alle Politiche culturali ed al Centro storico, ed alla Sovraintendenza ai Beni culturali. Inoltre, l’evento gode anche del patrocinio della Provincia e del Comune de L’Aquila.

SCHEDE MEMORIA SONY PER I FOTOGRAFI PIU’ ESIGENTI

Che cosa è successo a L’Aquila? Ebbene, la risposta in merito si può trovare proprio attraverso gli scatti di Berengo Gardin che già dal 1995 ha girato il capoluogo abruzzese in lungo ed in largo riprendendolo prima e dopo il terremoto. Nato a Santa Margherita Ligure il 10 ottobre del 1930, già a 24 anni ha iniziato ad occuparsi di fotografia collaborando per “Il Mondo” e poi per Domus, Stern, Epoca, Time, L’Espresso e Le Figaro. A livello professionale Berengo Gardin, tra i più noti fotografi italiani, ha lavorato in Italia ed all’estero, in prevalenza a Parigi, a Roma ed in Svizzera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>