Smartphone preferito per scattare foto

di Lucia Guglielmi Commenta

D’altronde rispetto al passato gli smartphone sono dotati di fotocamere integrate sempre più performanti e ad alta risoluzione.

Sarà perché oramai è un oggetto di culto, sarà la crisi che non permette di comprare macchine fotografiche costose, ma lo smartphone è sempre di più lo strumento ideale e comodo per scattare le foto. Basti pensare che, in accordo con quanto emerso da una ricerca a cura di NPD, in America a scegliere lo smartphone per scattare le foto è un utente su quattro.

D’altronde rispetto al passato gli smartphone sono dotati di fotocamere integrate sempre più performanti e ad alta risoluzione. E così lo smartphone, oltre che uno strumento di comunicazione evoluto, diventa anche all’occorrenza una macchina fotografica senza andare a spendere magari altri 500-600 euro per una compatta con tante funzioni che magari poi a conti fatti non si utilizzano.



DESIGN ECO-SOSTENIBILE: BAMBOO PHONE

Per chi da uno smartphone vuole il massimo, anche per quel che riguarda la qualità delle foto che si possono scattare, il pensiero non può che andare all’ultimissimo gioiello di casa Apple, l’iPhone 4S dotato di un processore veloce e performante e di una fotocamera da 8 MegaPixel ulteriormente migliorata rispetto alla precedente versione dello smartphone della società di Cupertino.

JOHNS PHONES, IL TELEFONO CHE FA SOLO IL TELEFONO

Non è da meno neanche uno degli ultimi nati in casa Samsung, il “Galaxy Note“; trattasi di uno smartphone al top della gamma, ovverosia di fascia alta, che ha allo stesso modo una fotocamera da 8 MegaPixel con zoom digitale/ottico 4X, flash, autofocus ed effetti fotografici.Il display del Samsung Galaxy Note è molto ampio, pari a ben 5,3 pollici a fronte di un peso che non arriva neanche a 180 grammi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>