Quante volte dovremmo fare il vaccino?

di Redazione Commenta

quante volte faremo vaccino

Guardiamo al futuro con la fase di diffusione di un vaccino Covid-19 funzionante.

Una domanda che molti si chiedono è quante volte dovremo fare il vaccino: se basterà una tantum  o se sarà necessario farne diversi in base all’evoluzione del virus. In pratica, la risposta è breve perché ancora non lo possiamo sapere.

Il vaccino Pfizer/BioNTech è stato sviluppato e sperimentato in tempi rapidi.

Nell’ambito di questo processo, decine di migliaia di persone hanno sperimentato il vaccino, ma ancora non si conosce la durate dell’immunità dei partecipanti alle prove.

Secondo gli immunologi più accreditati, la questione di quanto spesso avremo bisogno del vaccino è molto importante.

Non sarà una condizione di facile lettura, la durata può dipendere da vari fattori come età, peso, malattie pregresse, genetica.

Inoltre se ci saranno vaccini diversi, questi porteranno a comportamenti diversi. Ma il punto positivo è che non ci si dovrà preoccupare di continue mutazioni come si fa con l’influenza. Perciò potremmo passare un periodo festivo relativamente più calmo, sapendo che ci sarà un vaccino funzionale a breve alla portata di tutti. Potremmo portare avanti i nostri hobby e gli amanti dei giochi di fortuna potranno provare la slot machine gratis Book of Ra ogni volta desiderata.

Infatti ogni anno ci viene dato un nuovo vaccino antinfluenzale perché ci sono diverse varianti del virus che circolano, quindi un vaccino che potrebbe funzionare un anno non lo farà sicuramente anche il successivo.

Per il Covid questo pericolo non sembra essere rilevante, anche se alcuni mutanti dei virus possono sempre emergere quando si impone una selezione con vaccino.

Perciò pressando il virus attraverso il vaccino, esso potrebbe cercare di trovare nuovi modi per sopravvivere. Potrebbe mutare per trovare il modo di infettarci di nuovo.

Le aziende Pfizer e BioNTech stanno continuando a tenere monitorati tutti i dati e presenteranno tutte le statistiche aggiornate sulle riviste scientifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>