Design italiano attrae di più il mercato estero

di Filadelfo Scamporrino Commenta

Il Rapporto è stato realizzato dalla Camera di commercio di Monza e Brianza e dalla Camera di commercio di Milano, in concomitanza con l’evento milanese del Salone del Mobile 2013.

Il design made in Italy è più apprezzato all’estero che all’interno dei nostri confini. Questo è quanto emerge, tra l’altro, da un’indagine della Camera di commercio di Monza e Brianza e della Camera di commercio di Milano avvalendosi della collaborazione di Voices from the Blogs. Mentre per quel che riguarda l’elaborazione dati i database di riferimento sono quelli del Registro Imprese e banca dati AIDA.


RISPONDERE ALLA CRISI CON LA FOTOGRAFIA

Il Rapporto, che è stato realizzato dalla Camera di commercio di Monza e Brianza e dalla Camera di commercio di Milano, in concomitanza con l’evento milanese del Salone del Mobile 2013 e delle iniziative collaterali, quelle del Fuori Salone, rivela inoltre come in questi giorni a Monza e Milano ci sia il più elevato indice di felicità stando all’indice iHappy.

IL MACEF DI MILANO PRESENTA UNA SELEZIONE DI DESIGN PER ARTSHOP E BOOKSHOP

Per attrattività in questi giorni Milano, in particolare, piace per i locali, per l’arte ed il design, per la cultura e per l’innovazione. Un’innovazione che a Milano riguarda ben 5.525 imprese che, operanti nel settore del mobile, spaziano dai designer alle industrie del legno e passando per gli studi di ingegneria, i produttori di ceramica, gli studi di architettura e le aziende specializzate nell’illuminazione e nell’industria del vetro.

DESIGN PER COSTUMI E SCENOGRAFIE TEATRALI

A Monza e Brianza le imprese del settore sono invece 2.358 e danno lavoro ad oltre 10 mila persone. Bene anche Brescia e Bergamo che hanno oltre duemila imprese del settore, e danno lavoro complessivamente a circa 15 mila addetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>