Design per mobili e complementi d’arredo

di Redazione Commenta

Nel milanese a spendere di più per i mobili e per i complementi di arredo sono le coppie con figli, e i generale coloro che hanno un’età a partire da quaranta anni.

Crisi o non crisi, nel nostro Paese le famiglie, quando si tratta di acquistare mobili e/o complementi d’arredo, sono molto attente nella scelta. Certo, visti i tempi che corrono, le famiglie sono attente al budget, ma puntano comunque su prodotti che presentano un bel design, magari innovativo sia per la prima casa ad uso residenziale, sia per quella per le vacanze, ovverosia la seconda casa.

Dal fronte prettamente imprenditoriale, in Italia è la Lombardia la Regione più virtuosa con oltre seimila aziende che operano nel comparto della fabbricazione dei mobili; la Lombardia è tra l’altro la prima Regione nel Vecchio Continente in quando a densità di mobilifici, a fronte di un rapporto di 1 mobilificio su 6 presente nella sola Provincia di Milano.



SOCIAL HOME DESIGN A FIERAMILANO

Stando alle rilevazioni della Camera di Commercio di Milano, effettuate prendendo a riferimento i dati di spesa relativi al 2010, nel milanese a spendere di più per i mobili e per i complementi di arredo sono le coppie con figli, ed in generale coloro che hanno un’età a partire da quaranta anni.

ANTEPRIMA SALONE DEL MOBILE 2011: NONOGIORNO

Intanto proprio oggi, lunedì 10 ottobre del 2011, a Milano, presso la sede della Camera di Commercio di Milano, si terrà “Riflessi di Bauhaus su design e architettura italiana“. Trattasi, dalle ore 18, di un convegno sul design al quale interverranno, tra l’altro, Carlo Sangalli, Jurgen Bubendey, Piero Bassetti e Davide Rampello; l’appuntamento a Milano, presso la sede dell’Ente camerale, è a Piazza Mercanti, dove si trova il Palazzo Giureconsulti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>