L’importanza delle app di training

di Gtuzzi Commenta

Dettagli utili per conoscere bene un settore più interessante di quanto si possa pensare

app di training
app di training

I progressi tecnologici, vero e proprio marchio di fabbrica degli anni che stiamo attraversando, hanno creato possibilità e occasioni che, anche solo per la generazione precedente, erano a dir poco fantascientifiche. Lo smartphone, in particolare, è il grande protagonista degli ultimi anni di ricerca e sviluppo: in pochi altri campi si registra il rincorrersi di innovazioni come in quello del mobile, dove di recente i nuovi obiettivi sembrano concentrarsi su brevetti di dispositivi pieghevoli e sul machine learning.

Lo smartphone, e i concetti che lo stesso implica, ha rivoluzionato radicalmente innumerevoli aspetti della vita quotidiana, che da elencare sarebbero troppi; uno degli apporti più interessanti, tuttavia, è quello dato dalle app di training. L’esplosione dei software sotto forma di applicazioni mobili, accessibili in maniera estremamente immediata, ha fatto sì che le tipologie da esse esplorate fossero le più varie: il training, da intendere come allenamento volto a migliorare il risultato di una determinata attività, è una delle tematiche che ha riscosso maggior successo. La ragione è intuitiva: uno strumento facilmente accessibile, come appunto un’applicazione mobile, che mette a disposizione una serie di esercizi per migliorarsi in qualcosa. Il successo della formula è dimostrato dal numero di campi ai quali il training finisce per essere applicato.

app di training
app di training

Partire dal significato letterale del termine training, traducibile genericamente come allenamento, suggerisce immediatamente uno dei settori che ha subito il maggior impatto: quello del fitness. L’allenamento domestico non è certo una novità dell’ultimo momento: da sempre, infatti, chi non può o non vuole frequentare una palestra, che sia per mancanza di tempo o altro, ricorre ad allenamenti fatti in casa. D’altra parte, anche considerando quanto sia culturalmente diffusa la pratica di dedicare allo stretching qualche minuto a intervalli regolari durante lo svolgimento di lavori sedentari, esiste un ampio bagaglio di piccoli e semplici esercizi. Il campo del fitness domestico è stato di conseguenza letteralmente invaso da innumerevoli app, dalle più semplici alle più curate, con personal trainer professionisti, che forniscono una valida alternativa per chi voglia allenarsi da casa.

Un altro mondo che ha subito un vero e proprio assalto dalle app di training è quello dell’apprendimento delle lingue. Anche in questo caso il numero delle applicazioni rende proibitivo stilarne un elenco, per quanto sia facile trovare valutazioni su quelle migliori; ma ci si rende subito conto dei vantaggi che offrono. La struttura di progressione per livelli permette a chi ne faccia uso di procedere nell’apprendimento come se si trattasse di un vero e proprio corso di lingue. Alcune offrono persino un sistema di punteggio e di sfide, volto a motivare l’utente e a spingerlo a ottenere risultati migliori, cercando di ottenere il risultato dell’apprendimento in maniera quasi giocosa.

Proprio a proposito di giochi, poi, va considerato come anche in questo campo, per quanto da intendere più al livello di veri e propri esport, le app di training hanno un ruolo fondamentale: è il caso del poker, dove esistono numerose e utilissime app che si prefiggono esattamente di proporre soluzioni e strategie nei più diversi scenari. Abbastanza curiosamente, un altro gioco con tantissime app di training a esso dedicate è il biliardo: fra queste, le app che includono un motore fisico infatti insistono molto su quanto questo possa aiutare nell’affrontare il gioco dal vivo.

app di training
app di training

È noto che una fra le abilità che maggiormente beneficiano di una costante pratica è la capacità di suonare uno strumento. Dai più semplici ai più complicati, in maniera simmetrica sono nate e si sono diffuse numerosissime applicazioni di training ad hoc, dalle più basiche alle più complesse. Prendendo come esempio uno fra gli strumenti tendenzialmente considerati più attraenti, la chitarra, diventa subito evidente come il numero di app sia divisibile per livello: si parte dalle più semplici, che si limitano a insegnare il corretto posizionamento delle dita per gli accordi, alle più complete, che comprendono partiture e altre funzioni accessorie.

Infine va notato come il training, diffuso tramite app, consenta di avere uno strumento utile anche nella cura di esigenze terapeutiche. Uno dei campi più noti, in tal senso, è quello dell’ausilio ai disturbi dell’apprendimento: attraverso varie funzioni, lo smartphone può diventare uno strumento insostituibile per chi abbia a che fare con disturbi come la dislessia, la discalculia e così via.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>