GIMP, ridurre il numero di colori di una immagine

di Michele Costanzo Commenta

GIMP Posterizza
Il programma per la grafica GIMP offre una ricca dotazione di strumenti per la gestione del colore. Attraverso un particolare strumento denominato “Posterizza” è possibile in particolare ridurre il numero di colori che compongono l’immagine. Questa funzione può essere utilizzata sia in chiave creativa sia per l’ottimizzazione del file grafico.

La funzione Posterizza di GIMP

Aperta in GIMP l’immagine su cui lavorare, andiamo nel menù “Colori” e scegliamo la voce “Posterizza…”. Otterremo l’apertura di una finestra di configurazione dello strumento intitolata proprio “Posterizza”. L’elemento chiave della funzione Posterizza è rappresentata dal cursore “Livello di posterizzazione”. Spostato a sinistra questo riduce progressivamente il numero di colori usati per rappresentare l’immagine. I colori vengono progressivamente eliminati con un criterio di similitudine che tende sempre a creare una immagine il più simile possibile all’originale.

Quando è spostato verso i valori di destra, la differenza rispetto all’originale è limitata. Più si va verso sinistra più le differenze cromatiche diventano evidenti. Con il cursore completamente a sinistra l’immagine verrà rappresentata con un numero minimo di colori creando un effetto simile ad un disegno. Mantenendo spuntata la casella “Anteprima” sarà possibile vedere in tempo reale gli effetti che diversi valori del cursore “Livello di posterizzazione” determinano sull’immagine di partenza.

Usare Posterizza

Attraverso lo strumento “Posterizza” di GIMP è possibile ridurre il numero di colori di un immagine nell’ottica ad esempio di un salvataggio in un formato che supporti uno spazio colore limitato (per esempio il formato GIF). L’eliminazione di una parte dei colori è inoltre un passaggio base per molte elaborazioni creative specie per quelle che puntano a simulare disegni e dipinti.

Ricordiamo infine che è possibile scaricare l’ultima versione di GIMP dal sito ufficiale del progetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>